Attrezzatura e dispositivi

Visualizza come Griglia Lista

Articoli 1-12 di 26

Pagina
12
per pagina
Posizione
Imposta la direzione decrescente
  1. KRALLEN-SPIKE 11x18.6mm
    134,63 CHF
  2. KRALLENSPIKES WERKZEUG 451912
    10,10 CHF
  3. KRALLEN-SPIKE 12x24.5
    159,40 CHF
  4. KRALLENSPIKES WERKZEUG 451920
    10,10 CHF
  5. KRALLEN-SPIKE 11x22.8
    134,63 CHF
  6. KRALLENSPIKES WERKZEUG 451000
    10,10 CHF
  7. KRALLEN-SPIKE 9X23.3
    116,32 CHF
  8. KRALLEN-SPIKE 6X8.5
    116,32 CHF
  9. KRALLENSPIKES WERKZEUG 451500
    10,10 CHF
  10. KRALLEN-SPIKE 9X17.5
    116,32 CHF
  11. KRALLENSPIKES WERKZEUG 451100
    10,10 CHF
  12. KRALLEN-SPIKE 7,9X9,8
    116,32 CHF
Tutti i prezzi sono indicati con l'imposta sul valore aggiunto.
Visualizza come Griglia Lista

Articoli 1-12 di 26

Pagina
12
per pagina
Posizione
Imposta la direzione decrescente

Chiodi per pneumatici - Aderenza sicura alla strada nei mesi invernali

In Svizzera i chiodi per pneumatici sono permessi dall'inizio di novembre alla fine di aprile per migliorare la sicurezza stradale nelle condizioni tipiche dell'inverno. Si distinguono chiodi per autovetture, per veicoli agricoli e per veicoil a due ruote. In genere si tratta di punte in acciaio o metallo duro che sporgono di alcuni millimetri dal battistrada e si possono montare sullo pneumatico in vari modi.

Per l'utilizzo dei chiodi sugli pneumatici però bisogna rispettare alcune norme: sono permessi solo fino a una velocità di 80 km/h, o 50 km/h nei centri urbani, e in autostrada in generale sono vietati. Si possono usare su veicoli con un peso totale a terra fino a 3,5 tonnellate. I chiodi si possono montare solo su pneumatici con cintura in acciaio, che vanno montati su tutte e quattro le ruote. Inoltre in coda al veicolo deve essere applicato un adesivo che indichi chiaramente la presenza di pneumatici chiodati. Inoltre bisogna tenere presente che i chiodi in Germania sono del tutto vietati e in Austria lo sono da giugno a settembre.

Come si montano i chiodi su diversi veicoli?

Quelli per autovetture in genere sono chiodi a vite e si possono montare facilmente con un avvitatore a batteria. La lunghezza dei chiodi indica quanto la loro testa può sporgere dallo pneumatico. Inoltre va tenuto presente che prima del montaggio la pressione dello pneumatico deve essere adeguata ai requisiti specifici dei chiodi. Dopo il montaggio bisognerebbe provare l'auto per qualche chilometro, per verificare come il peso ulteriore dei chiodi influisca sulla guida. Per i chiodi per veicoli agricoli e autocarri valgono indicazioni simili, mentre quelli per veicoli a due ruote, soprattutto con gli pneumatici invernali per biciclette, esistono due diverse versioni costruttive.

Chiodi per veicoli a due ruote

I chiodi per veicoli a due ruote possono essere distribuiti o uniformemente su tutto il battistrada o solo lateralmente. Nel primo caso le ruote scorrono sempre sui chiodi, che invece nel secondo caso sono a contatto col terreno solo in curva, riducendo lo scivolamento su fondo stradale liscio.

In generale i chiodi per pneumatici possono costituire un'alternativa plausibile alle catene da neve, purché siano permessi dalla legge: in molti paesi europei sono vietati perché possono creare solchi nel fondo stradale e comprometterne le condizioni. Inoltre bisogna tenere presente che gli pneumatici chiodati hanno un'aderenza nettamente minore su fondo stradale asciutto. In particolare nei chiodi per fondo sterrato e per veicoli agricoli bisogna notare che nel fango offrono vantaggi simili a quelli sul ghiaccio, e in genere facilitano la rimozione della fanghiglia.

Rema TipTop TV
one brand one system one source